Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione e per fornire pubblicità personalizzata. Proseguendo la navigazione del sito accetti il loro utilizzo. Leggi nell'informativa privacy come disattivarli. La disattivazione comporta il blocco di funzionalità del sito, come i video, i pulsanti sociali e la pubblicità.

Leggi l'informativa privacy e cookie

Non hai abilitato i cookies sul tuo computer. Potrai modificare questa scelta.

Hai abilitato i cookies sul tuo computer. Puoi modificare questa scelta.

Un passo necessario per ottimizzare il sito è far generare a Joomla! gli Url in maniera diversa dal solito. Joomla! genera Url piuttosto complicate, le classiche Url dinamiche contenenti molti caratteri difficili da gestire da parte dei motori di ricerca.

Url non ottimizzata
Tanto per capire, l’indirizzo sopra indicato visualizza il componente weblinks nella modalità categorie, il cui ID è uguale a 48.
Url di questo tipo, oltre a non essere molto descrittive, quindi sostanzialmente inutili per il visitatore che le legge, sono considerate dai motori di ricerca come Url di pagine dinamiche, e per la presenza di caratteri che confondono i motori (come il punto interrogativo), sono penalizzate, infatti un motore di ricerca generalmente non si spinge oltre il quinto carattere strano.

Inoltre, gli utenti potrebbero credere che parte dell’Url sia inutile e decidere di troncarla rendendo nullo il link.
Attivando la SEO di Joomla! si ottengono, invece, Url più comprensibili, tipo:

http://miosito.it/weblinks

Url di questo tipo vengono memorizzate correttamente dai motori di ricerca e, se usate come anchor text, forniscono già da sé importanti informazioni sul contenuto del link. Questa modifica delle Url è basata su una funzione dei server Apache, i quali possono manipolare le Url a piacimento.

Per usare questa funzione è necessario prima di tutto attivare il file .htaccess nella cartella principale di Joomla!.

A tale scopo dobbiamo rinominare il file htaccess.txt, già presente nella cartella principale di Joomla!, in .htaccess (col punto). Verifichiamo però prima se l’hosting consente tale modifica, cioè se gestisce il modulo mod_rewrite. In genere dovrebbe essere possibile verificarlo direttamente da Joomla!, tramite la voce Info sistema del menu Aiuto. Nella scheda Informazioni PHP si deve scorrere fino alla voce Loaded Modules.

Modulo mod_rewrite
La riscrittura degli Url è possibile su server Linux, ma anche su IIS, anche se le modalità sono diverse, per questo conviene sempre chiedere informazioni all’hosting.

Il file .htaccess dopo la modifica del nome diventa file nascosto, in quanto file di sistema del server, per cui è possibile vederlo solo attivando l’opzione visualizza file nascosti nel programma Ftp (come Filezilla). Il file in questione viene letto dal server e fornisce le istruzioni su come gestire i vari file presenti nello spazio web, in particolare fornisce le istruzioni su come generare gli Url di Joomla!
La riga:

RewriteEngine On

È quella che abilita il comando di riscrittura degli indirizzi, sulla base delle regole indicate successivamente, e deve essere non commentata (cioè non ci deve essere un # all’inizio della riga).
Mentre la riga:

RewriteBase /

Indica al server il percorso dei file da gestire col comando rewrite. Nel caso specifico i file di Joomla! sono contenuti nella cartella principale (root) dello spazio web. Se la sottocartella nella quale sono contenuti i file è diversa, ad esempio /joomla/, allora la riga in questione deve diventare:

RewriteBase /joomla

Dopo aver fatto ciò, entriamo nel pannello di controllo, Configurazione globale, e nella scheda Sito, in Configurazioni SEO, selezioniamo Si per le voci Friendly URL per i motori di ricerca, Utilizza mod_rewrite, e Aggiungi il suffisso agli URL.

Configurazione SEO
La prima opzione (che non richiede l’attivazione del mod_rewrite e dell’htaccess), ottimizza le Url e le genera compatibili con i motori di ricerca. In tal caso viene aggiunto /index.php/ all’interno delle Url, e la parte finale viene prelevata dalla voce di menu che ha richiamato la pagina. Avremo quindi un Url di questo tipo:

http://miosito.it/index.php/weblinks

La voce Utilizza mod_rewrite (che richiede l’attivazione del mod_rewrite e quindi l’htaccess) ordina di utilizzare il motore di riscrittura degli Url di Apache (il mod_rewrite appunto). Attivando anche questa voce l’Url migliora, ma presente, oltre al nome della categoria e quello della pagina, anche il numero ID del contenuto richiesto:

http://miosito.it/18-nome-categoria/34-nome-contenuto

La voce Aggiungi il suffisso agli Url non è strettamente necessaria, in quanto si occupa si aggiungere un suffisso alle Url (html, php, ecc….) a seconda del tipo di documento.
A questo punto le Url sono già abbastanza semplificate.

Url semplificate
Per quanto riguarda gli indirizzi dei contenuti, invece, rimangono i numeri degli ID sia delle categorie che dei contenuti stessi, che possono essere eliminati solo utilizzando un componente esterno per la riscrittura degli Url.

Url contenuti
Potrebbe inoltre accadere che a seguito di queste modifiche il sito non sia più visualizzabile, restituendo il server errore 500. In questo caso può essere utile commentare (con #) o decommentare le righe del file .htaccess ad una ad una verificando quale di esse crea problemi con la configurazione del vostro server. In genere questa riga può dar luogo a problemi:

Options +FollowSymLinks

Comunque è possibile migliorare ancora le Url, facendo in modo che rispecchino il contenuto della pagina, ed acquistino una maggiore descrittività. Per fare ciò è però necessario installare un apposito componente, come ad esempio sh404SEF, Artio JoomSef, AceSef ed altri simili.